lunedì 26 luglio 2010

CityHoliday- Men.


Camminare è ciò che effettivamente mi rilassa di più in assoluto. Quindi oggi, visto che le temperature sono finalmente tornate accettabili (ossia si respira) mi sono concessa ben 2 passeggiate di 2 ore ciascuna con il mio cane, che dalla felicità dell'inizio è tornato guardandomi con gli occhioni lucidi della serie "capisco le tue manie sklerotiche ma non coinvolgere me nelle tue azioni auto-rilassanti e nella tua fottuta insonnia. Io voglio andare a dormire". Così mi sono arresa e l'ho riportato a casa e per la mia gioia sono tornata a fare la nerd di fronte al mio fantastico Vaio.
In generale in quel di Roma le cose procedono in maniera piuttosto standard,e dopo una settimana passata a uscire di casa il pomeriggio per rientrarci la mattina dopo direi che questa serata tranquilla finalmente mi ci voleva.
Causa risveglio dovuto a un dolcisssimo attacco di panico-no panic- ieri mattina, ho deciso che la mia vita mondana attualmente è stata veramente troppa e sono arcistufa di parlare con qualsiasi cosa possa assomigliare ad un essere umano. E quindi me ne sono andata logicamente in piscina, luogo sacro dove finalmente me ne sto per i fatti miei e stacco da tutto e da tutti. Invece scoperta sensazionale mi ritrovo il ventenne bagnino che ha deciso di volerci provare a tutti i costi malgrado io gli abbia spiegato in modo semplice e conciso "bimbo mio ho solo 10 anni più di te", il che dovrebbe farti capire che se ho 26 anni e sono single avrò le mie ragioni, e che, detto francamente, non hai speranze. Ovviamente tutto questo era chiaro solo per me.
Non ho ben capito cosa ci sia nell'aria sto periodo, ma la realtà è che sono letteralmente stanca di avere un sacco di uomini intorno senza un minimo di spessore, tra l'altro se è vero quello che il mio grande amore-voglio dire, mica uno qualsiasi, proprio l'Amore della Mia Vita- mi ha detto :"sei nata single", io un pensierino su questa cosettina ce lo avrei fatto, e ho quasi l'impressione che abbia ragione lui. Eh sì, perché effettivamente stare appresso a una tizia che vive con le valigie perennemente pronte può essere un po' frustrante. Lo capisco, ma tanto non cambio quindi appurato che non sono la tipa da sposare almeno finitela di rompere i maroni con stronzate del tipo "non ho mai conosciuto una tipa come te". Io ci aggiungerei un fantastico "per fortuna" e scapperei a gambe levate.
Forse sono un po' drastica...sarà l'astinenza da nicotina e le mie amiche che sono partite tutte per oscure mete e non ritorneranno prima di una settimana.
Per fortuna mi resta il caro amico già citato e che da oggi chiameremo con lo pseudonimo di TanquerayTonic, per rispetto alla privacy e tutte quelle altre ragioni per cui è meglio non fare mai nomi soprattutto sul web. Purtroppo anche lui è un uomo, ma fortunatamente, per lui io sono il suO migliore AmicO. Anche se si becca tutti i miei skleri da donna.

sabato 24 luglio 2010

CityHoliday- But it's awful complicated and you're warning me to beware

Se c'è una cosa che mi fa arrabbiare è non vedere la realtà per quella che è.
Purtroppo però molte volte anche se la si riconosce perfettamente è meglio far finta di niente e lasciar credere che le cose vadano secondo le direzioni più apparenti. Ultimamente mi sto arrovellando su questi pensieri in modo così forsennato che neanche lavorare 24 su 24 mi riesce a distrarre completamente.
Ho ripiegato dunque su un'ossessione sportiva: il nuoto. Tornata in piscina, ho capito che se in questo periodo della mia vita non voglio impazzire completamente, allora devo trovarmi un'altro sfogo.
L'altro è lo shopping. Questo lo voglio troppo:

Così avrei il completo bracciale+collare.
Se poi proprio vogliamo darci alle spese matte, allora perché non prendere anche questo:


Ok adesso la faccio finita.
Datemi la mia carta di credito, ma per favore levatemi il wi fi o spendo una fortuna per svuotare il magazzino di Micromutazioni.

domenica 18 luglio 2010

CityHoliday- In piscina leggendo Koolhaas.

E così per concludere la settimana in bellezza oggi ho fatto la bella a bordo piscina. Sola soletta me ne sono tornata in quel circolo, dove non mettevo piede da quasi 10 anni. Tornandoci da architetto la prima cosa che ovviamente ho notato era la disposizione dei parcheggi interni e le piazzole con le panchine che già che l'hanno rimodernate un pochino a sto punto potevano essere progettate meglio. Ma la piscina mi mancava proprio. Soprattutto mi mancava nuotare. Adesso che finalmente ci sono tornata mi sono resa conto di quanto mi mancasse. E da lì la decisione di comprare un costume un po' più tecnico, un bel paio di occhialetti e quest'estate ci si rassoda e rilassa con il nuoto. Soprattutto riprendo fiato, il che in questi bei 10 anni di eccessi vari e di molto poco sport se n'è decisamente andato.

Surreale è stare in piscina leggendo Koolhaas e la sua ironica Singapore Songlines. Le piscine rappresentano esattamente quello svago artificiale per la gente di città. Così mentre venivo a conoscenza che l'isola di Singapore è passata da un'area di 581 kmq a 730 kmq in 30 anni, mi godevo il sole e finalmente rilassavo i nervi che ultimamente sono sempre più messi a dura prova. Adesso, mi serve solo che il caro Rem mi ispiri anche per la mia tesi, che si trova nuovamente in una fase di stallo. Domani dovrà essere produttivo. Devo solo trovare un posto che mi offra condizioni più decenti per lavorare senza diventare un bagno di sudore.


Dopo ben 10 anni, finalmente anche io quest'estate posso dire di essere un po' abbronzata!

venerdì 16 luglio 2010

who don't wanna live like that?

Una caldissima Roma mi sta facendo da sfondo principale per questa mia ennesima estate. Questa settimana, cominciata con un lunedì tra AkO e questioni legali, ha promesso (almeno fino adesso) meglio di quanto potessi immaginare. Martedì mare, e con lui finalmente un po' di abbronzatura, il che, dopo tutti questi anni, era pure ora ritornasse un po' a colorarmi la pelle. La mattinata in spiaggia ha reso molto molto più sopportabile la serata lavorativa, effettivamente non era così divertente lavorare da un bel po'. Ieri poi per non tradire mai troppo le mie tradizioni freak'n'chic giornata al lago di Martignano con le mie amiche e la nostra vacca pelosa Gina.
Dico io, chi non vorrebbe vivere così?

Avendo inoltre delle amiche fantastiche, il relax che tanto ho cercato in questi ultimi tempi non è venuto a mancare.

Ci si prepara oggi ad un altro caldo weekend romano.
Rigorosamente a base di Peroni Gran Riserva Rossa alla spina.