venerdì 30 settembre 2011

Tesi tesi tesi - Dyusulpaa Peru

 Grazie per la lode, grazie per l'esperienza, ma soprattutto grazie Peru per tutto quello che mi hai insegnato, dalle antichissime culture quechua a saper fare il succo di guanabana. Nos vemos pronto.

lunedì 26 settembre 2011

Roma - Forse è finita

Due giorni e vaffanculo.
Mai perso così tanto tempo appresso a degli scleri veramente inutili. E se penso che mercoledì devo pure fare la finta di fronte alla commissione e dirgli grazie mi prendono degli attacchi d'ulcera non indifferenti.

martedì 20 settembre 2011

Tesi Tesi Tesi - Le infinite notti

Per una fottuta brochure di 24 pagine???????
Mi mando a fanculo da sola.

Sto al terzo tè verde. Il quarto ho deciso sarà un mate de coca, che forse, già che mi aumenta il battito cardiaco per respirare meglio in alta montagna, qui magari mi tiene sveglia. Se poi non funziona, esistono pur sempre rimedi meno naturale e molto più costosi, a ti attivano che è uno sballo.

Per favore fatemi arrivare alla fine.............................................

giovedì 15 settembre 2011

Life - Hold infinity in the palm of your hand, and eternity in an hour


William Blake - Auguries of Innocence

To see a world in a grain of sand,
And a heaven in a wild flower,
Hold infinity in the palm of your hand,
And eternity in an hour.

A robin redbreast in a cage
Puts all heaven in a rage.

A dove-house fill'd with doves and pigeons
Shudders hell thro' all its regions.
A dog starv'd at his master's gate
Predicts the ruin of the state.

A horse misused upon the road
Calls to heaven for human blood.
Each outcry of the hunted hare
A fibre from the brain does tear.

A skylark wounded in the wing,
A cherubim does cease to sing.
The game-cock clipt and arm'd for fight
Does the rising sun affright.

Every wolf's and lion's howl
Raises from hell a human soul.

The wild deer, wand'ring here and there,
Keeps the human soul from care.
The lamb misus'd breeds public strife,
And yet forgives the butcher's knife.

The bat that flits at close of eve
Has left the brain that won't believe.
The owl that calls upon the night
Speaks the unbeliever's fright.

He who shall hurt the little wren
Shall never be belov'd by men.
He who the ox to wrath has mov'd
Shall never be by woman lov'd.

The wanton boy that kills the fly
Shall feel the spider's enmity.
He who torments the chafer's sprite
Weaves a bower in endless night.

The caterpillar on the leaf
Repeats to thee thy mother's grief.
Kill not the moth nor butterfly,
For the last judgement draweth nigh.

He who shall train the horse to war
Shall never pass the polar bar.
The beggar's dog and widow's cat,
Feed them and thou wilt grow fat.

The gnat that sings his summer's song
Poison gets from slander's tongue.
The poison of the snake and newt
Is the sweat of envy's foot.

The poison of the honey bee
Is the artist's jealousy.

The prince's robes and beggar's rags
Are toadstools on the miser's bags.
A truth that's told with bad intent
Beats all the lies you can invent.

It is right it should be so;
Man was made for joy and woe;
And when this we rightly know,
Thro' the world we safely go.

Joy and woe are woven fine,
A clothing for the soul divine.
Under every grief and pine
Runs a joy with silken twine.

The babe is more than swaddling bands;
Every farmer understands.
Every tear from every eye
Becomes a babe in eternity;

This is caught by females bright,
And return'd to its own delight.
The bleat, the bark, bellow, and roar,
Are waves that beat on heaven's shore.

The babe that weeps the rod beneath
Writes revenge in realms of death.
The beggar's rags, fluttering in air,
Does to rags the heavens tear.

The soldier, arm'd with sword and gun,
Palsied strikes the summer's sun.
The poor man's farthing is worth more
Than all the gold on Afric's shore.

One mite wrung from the lab'rer's hands
Shall buy and sell the miser's lands;
Or, if protected from on high,
Does that whole nation sell and buy.

He who mocks the infant's faith
Shall be mock'd in age and death.
He who shall teach the child to doubt
The rotting grave shall ne'er get out.

He who respects the infant's faith
Triumphs over hell and death.
The child's toys and the old man's reasons
Are the fruits of the two seasons.

The questioner, who sits so sly,
Shall never know how to reply.
He who replies to words of doubt
Doth put the light of knowledge out.

The strongest poison ever known
Came from Caesar's laurel crown.
Nought can deform the human race
Like to the armour's iron brace.

When gold and gems adorn the plow,
To peaceful arts shall envy bow.
A riddle, or the cricket's cry,
Is to doubt a fit reply.

The emmet's inch and eagle's mile
Make lame philosophy to smile.
He who doubts from what he sees
Will ne'er believe, do what you please.

If the sun and moon should doubt,
They'd immediately go out.
To be in a passion you good may do,
But no good if a passion is in you.

The whore and gambler, by the state
Licensed, build that nation's fate.
The harlot's cry from street to street
Shall weave old England's winding-sheet.

The winner's shout, the loser's curse,
Dance before dead England's hearse.

Every night and every morn
Some to misery are born,
Every morn and every night
Some are born to sweet delight.

Some are born to sweet delight,
Some are born to endless night.

We are led to believe a lie
When we see not thro' the eye,
Which was born in a night to perish in a night,
When the soul slept in beams of light.

God appears, and God is light,
To those poor souls who dwell in night;
But does a human form display
To those who dwell in realms of day.

mercoledì 14 settembre 2011

Tesi tesi tesi - Amicizie.


Fantastica, dissetante e te ne puoi scolare 10 e ancora puoi lavorare. Il fegato ringrazia vivamente.

Anche l'indiano aperto fino a mezzanotte, che ogni giorno mi vede sempre più sfranta. 

sabato 10 settembre 2011

Think Tank - You know what? You're generation sucks

Eh si scusatemi ma oggi sono proprio nera. Nera e arrabbiata, anche furiosa direi.
E due paroline due, alla generazione precedente gliele voglio proprio dire. Si si, pure a te psicologo e sociologo dei miei stivali che descrivi la mia generazione come una generazione di tossici impasticcati senza sogni raverini asociali ecc. A te che ti vanti del tuo '68 e di aver rotto con gli schemi antiquati e ortodossi dei tuoi genitori, che ancora credevano in valori superati. A te, che non fai che criticare la generazione che ti ha partorito e non fai che compiangere la generazione che hai partorito tu. E fermati a leggere quest'ultima frase, perché mio caro ex sessantottino semi rivoluzionario tu hai proprio quello che hai voluto: l'infelicità costante per avere sempre la scusa per lamentarti e dichiarare che tutto va male e che ci serve un cambiamento radicale una rivoluzione o Dio solo sa quante altre cose ti vengono in mente.
E allora crepaci in questa infelicità, perché così facendo hai costretto noi, i tuoi figli, a stare appresso ai tuoi capricci, alle tue lamentele, al tuo compiangerti e alla tua idea che tutto va male. Non sai goderti la vita e per la maggiorparte delle volte le situazioni le rovini con le tue mani. E noi lì, a doverti tirare su ogni volta che tu stai giù, il che è quasi una costante. Eppure uno ci prova, a farti sorridere. E tu non lo vedi, perché se fossi felice, a fanculo la rivoluzione, a fanculo il tuo compiangerti e non potresti più definirti la vittima del sistema che tanto ti piace essere. E visto che tu non lo sai fare, a fanculo oggi ti ci mando io, perché l'unica cosa che voglio nella vita è stare tranquilla e tu non mi permetti mai di esserlo.

domenica 4 settembre 2011

Roma - E fatevela pijà bene


Ho una domanda che mi assilla da diverso tempo, in seguito ad aver purtroppo ascoltato discorsi vari ed eventuali sulla società, le differenze di genere e la vita e i massimi sistemi ecc. ecc. Da quando ridere e sorridere sono diventati comportamenti negativi?


giovedì 1 settembre 2011

Think Tank - Be a designer in a collapsing world

"Progetta un modo per monitorare i sistemi naturali e industriali intorno a te e ai tuoi colleghi. Progetta un modo per chiudere i cicli dei flussi di materia ed energia nelle tue immediate vicinanze. Progetta le cose nella vita quotidiana in modo da renderle più vicine una all'altra, in reti piuttosto che in lunghe catene. Progetta connessioni fra te e nuove persone, nuova conoscenza e nuove discipline. Progetta un nuovo modo di collaborare e di lavorare ai progetti. Qualsiasi cosa tu decida di fare, non farla da solo. Siamo tutti progettisti, adesso."