domenica 6 gennaio 2013

Roma - 2013:Chiudendo e aprendo porte

Eheheh, lo so che vi stavate tutti quanti chiedendo che fine avessero fatto i miei consueti auguri di capodanno, con il bilancio annuale che mi è tanto caro (in realtà non se lo sta chiedendo nessuno, ma mi piace pensare di sì).
Eh no, quest'anno si comincia diversamente. Il resoconto e il bilancio del mio 2012 è già abbastanza documentato in questo blog, e in quanto agli auguri, la tecnologia dei social network ormai fanno miracoli, quindi, nessuno offeso, tutti contenti, un sacco di fatica in meno.
Però oggi sì, ho voglia di fare tanti auguri a tutti perché è la festa che io più di tutte amo. LA BEFANA. Ho sempre amato la Befana. Gli ultimi 2 anni ero talmente nostalgica e volevo talmente svegliarmi con la calza che me la preparavo da sola e me la mettevo ai piedi del letto. Adoro trovare la calza piena zeppa di quei dolcetti che non comprerei mai in altre occasioni e trovare sempre un regalino perso tra le leccornie. Non è mai mancata, la Befana, a casa mia. Neanche quest'anno in cui le condizioni economiche ci hanno costretto a farla un po' più povera che gli anni precedenti. Ma non fa niente, perché quest'anno la mia calza l'ho trovata come da tradizione sotto l'albero di Natale e l'ho scartata insieme a mia sorella esattamente come quando eravamo piccole. Ed è con questa festa che voglio dare il benvenuto al 2013, che si apre con una serie di cosette non proprio facili da affrontare, che lascia poche porte aperte, che ne fa chiudere (come già ci aveva preannunciato il 2012, preparandoci per bene con non pochi colpi da incassare) parecchie, ma che lascia intravederne di nuove da aprire.

Per chiudere la porta 2012, vi regalo da brava Befana il mio soundtrack, ossia la collezione completa delle 12 playlist mensili che hanno fatto da protagoniste musicali durante quest'anno tanto assurdo. Non ho progetti di questo genere, per il 2013. Quest'anno appena iniziato, mi ispira di suo.



BUONA BEFANA E BUON ANNO!

Nessun commento: